Racconto erotico: La sveltina

3 settembre 2018

Mancavano pochi minuti a mezzanotte quando Valeria ha fatto il suo ingresso in terrazza. Indossava un abito verde smeraldo con uno spacco mozzafiato che metteva in risalto le sue gambe lunghe e abbronzate, e aveva le mani e le braccia colme di anelli e bracciali. Di colpo tutti gli invitati alla festa si sono voltati a guardarla. Era comprensibile. Con quei lunghi capelli biondi e quel corpo perfetto, Valeria somigliava ad una dea che ogni tanto, per soddisfare un capriccio, si abbassava a mescolarsi con noi mortali. Per questo motivo fui sorpresa quando si avvicinò a me, snobbando gli altri ospiti.

Continua a leggere su: La sveltina

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.