Puncher

12 dicembre 2017

Puncher

Puncher

PUNCHER
Genere: Romance, Sport Romance

Per aiutare il padre malato di cuore, dopo aver lasciato il college, April si vede costretta a lavorare nell’attività di famiglia, un’officina meccanica nel Queens.
Il suo più grande sogno è diventare attrice, sperando così di dare un senso alla propria vita, e magari guadagnare per fare curare il padre in strutture adeguate.
La sua occasione arriva quando, a causa di circostanze impreviste, viene scelta per interpretare Jo March in una rappresentazione teatrale di Piccole Donne a Manhattan, organizzata dalla famosa compagnia Lancelot, diretta dall’affascinante Edward Tucker, il quale sembra fin da subito provare un evidente interesse per lei.
Ma l’ambiente del teatro e del cinema non è come April si aspettava: ben presto, comprende che dovrà lottare assiduamente, per non soccombere all’invidia degli altri membri della compagnia teatrale.
Per caso conosce Joe, e ne rimane affascinata: un ragazzo cresciuto nel Bronx, ribelle e determinato, che si allena nella palestra vicino alla sede Lancelot, sperando di diventare un pugile professionista.
Tra April e Joe nasce una forte amicizia, e cominciano a sostenersi a vicenda, per realizzare ognuno il proprio sogno. Quando capiscono di provare qualcosa l’uno per l’altra, si scontrano con la dura realtà, e la loro passionale storia d’amore viene intralciata dall’ambiente teatrale, pieno di raccomandazioni e ingiustizie, e quello corrotto e duro della boxe.

Puncher è un romance dallo stile fresco e coinvolgente, con accese sfumature hot e due protagonisti molto indipendenti e appassionati. Un romanzo che narra di un amore forte e istintivo, intralciato dalla vita reale, che lotta per realizzarsi in un mondo corrotto e sporco, in cui i sogni sono l’unico modo per sopravvivere.

 

List Price: EUR 1,99

Price: EUR 1,99

Selvaggia voglia di lei

Selvaggia voglia di lei

Selvaggia è una ragazza senza pudore. Ogni sera, nel suo pick-up, si esibisce per gli uomini del piccolo paese di campagna in cui abita. Quando il suo spettacolo erotico termina, prova un vago senso di vuoto, ma ormai non riesce a fare a meno di esibirsi.
Una sera, però, una ragazza del paese le fa una scenata in pubblico durante uno spettacolo, facendola sentire per la prima volta una svergognata. Selvaggia è incuriosita da quella bellissima signorina “perbene”, che si chiama Marianna, e comincia a farsi strada nella sua vita. La curiosità diventa una attrazione irresistibile e Selvaggia si accorge di provare una intensa passione per lei.
Qual è il segreto che Marianna nasconde e che infiammerà ancora di più il cuore e il corpo di Selvaggia?

L’autrice
Giulia Amaranto, pugliese di nascita e marchigiana d’adozione, scrive da molti anni ma ha iniziato a pubblicare i suoi racconti solo dall’aprile del 2016. Ha pubblicato diversi romance e racconti erotici. Uno di essi, È così strano amarti, diventato un piccolo successo su Amazon, è stato ripubblicato sotto altro titolo (Un amore senza zucchero) da YouFeel, collana di Rizzoli.

Ebook pubblicati
EROTICI:
La nota erotica del basilico
La nota erotica del pepe rosa
La nota erotica del lime
Prigioniero nudo
Edgar Allan Party
Stanotte tutto è concesso
La notte ti vengo a cercare
Vietato amare un tronista
Quel bastardo sexy di mio cugino
Selvaggia voglia di lei

ROMANCE:
Il tuo amore è il mio Natale
L’ossessione del tronista
Un amore senza zucchero (Rizzoli)
Un posto che conosciamo solo io e te
Il mio cuore ti ha trovato a Natale

Contatti
amaranto.giulia@libero.it
https://www.facebook.com/giuliaamarantolibri/

List Price: EUR 1,99

Price: EUR 1,99

3 commenti

  • AlessiaKS 12 dicembre 2017a18:10

    5.0 su 5 stelle
    Lo consiglio vivamente straordinario., 9 marzo 2017
    Acquisto verificato(Cos’è?)
    Questa recensione è su: Puncher (Formato Kindle)
    Mi sono dimenticata di recensire ma come può succedere a me? Non lo capisco ma sono umana 😊😊 ho amato April e suo sogno ma tante volte noi dobbiamo tornare alla realtà per andare avanti ed è così che Joe la fa svegliare così vede la realtà di questa vita che lui vive tutti i giorni e non è permesso di sognare . Bellissima davvero un amore forte e unico e intenso .
    Aiuta altri clienti a trovare le recensioni più utili 

    Questa recensione ti è stata utile? Sì
    No

  • Anonimo 12 dicembre 2017a18:58

    1 di 1 persone hanno trovato utile la seguente recensione
    4.0 su 5 stelle
    Adrenalinico, a tratti dolce. Molta passione, ma anche il desiderio di mettersi in gioco, 3 maggio 2016
    Acquisto verificato(Cos’è?)
    Questa recensione è su: Puncher (Formato Kindle)
    La recensione completa si trova sul blog dreaminglandks

    April è una giovane donna che ha dovuto abbandonare gli studi per prendersi cura del padre malato di cuore. Lo sostituisce nell’officina di famiglia, rinunciando così al suo sogno di diventare un’attrice. La prima cosa che mi piace di lei: non è una di quelle ragazze perfettine che vanno nel panico quando si scheggia un’unghia.
    Joe è una promessa della boxe. Sarà che quello sport mi è sempre piaciuto… ma ho adorato questo ragazzo, anche nei suoi attacchi di rabbia. L’ho trovato molto vero, molto reale. Pregi e difetti che si mescolano, rendendolo una persona della quale ci si può fidare e con la quale si può immaginare qualcosa di serio e duraturo.
    Ama il suo lavoro e lotta per realizzare i propri sogni. È un bravo ragazzo, molto buono e forse anche troppo ingenuo. Si fida di persone che lo sfruttano, che vedono in lui solo un modo per far soldi. Questa sua ingenuità, anche se a volte l’ho trovata un po’ fastidiosa –al punto che avrei tanto voluto prenderlo a pugni per farlo rinsavire, ma poi lui avrebbe preso a pugni me e… no, grazie- nel complesso lo rende un personaggio davvero adorabile.
    E parliamo adesso dell’ambiente del teatro!
    Che nel mondo dello sport ci sia molta competizione è risaputo. In fondo lo sport si basa proprio sulla competizione, si gareggia per vincere. Quella stronzata dell’importante è partecipare è, appunto, una stronzata. Almeno per quanto riguarda l’ambiente agonistico. Avete mai visto Tyson contento dopo aver perso? Tanto l’importante era aver partecipato!
    Il problema arriva quando tutto questa competizione si trova in un ambiente che dovrebbe essere molto tranquillo. Il teatro è arte, è passione, è emozione. La competizione che April ha trovato in quell’ambiente, è subito sfociata in un antagonismo che ha avuto risvolti davvero discutibili.
    Partiamo dal fatto che April ha deciso di darsi una possibilità. Il suo sogno è quello di recitare, di diventare un’attrice. Si è presentata a un provino ed è stata il suo essere tanto diversa dalle altre ragazze presenti a farle ottenere la parte della protagonista. Una Jo March molto moderna, a tratti lo è forse anche troppo. Essendo io una lettrice molto distratta, non ho ben capito se la storia rappresentata fosse ambientata nell’epoca originale narrata dalla Alcott o ai giorni nostri. Ad ogni modo, una Jo che si siede a cavalcioni sulla sedia è un’immagine molto interessante, non mi è dispiaciuta per niente.
    Tralasciando la Jo cavalcatrice di sedie, è stato il comportamento delle altre attrici a farmi salire il sangue al cervello. E c’è stato il rischio che me lo facessero esplodere. Povero cervello inutilizzato, volevano farmelo fuori!
    April ha a che fare con ragazze che sono una più arpia dell’altra. Farebbero qualsiasi cosa per raggiungere gli obiettivi che si sono prefissate, anche vendere il proprio corpo al primo produttore che passa. Il problema si presenta quando a togliere loro la possibilità di interpretare la protagonista, è una ragazza che a fare quelle porcherie per arrivare in cima non ci pensa proprio. Ho molto apprezzato il fatto che April non ci abbia pensato minimamente a vendersi.
    Anche questa volta, Connie Furnari è riuscita a tenermi incollata alle pagine. Ci sono però alcuni elementi che mi hanno fatto un po’ storcere il naso, inducendomi a togliere un punto nella mia votazione.
    […] Qui si parla di due ragazzi che lottano per i propri sogni, senza rinunciare ai loro valori. April potrebbe fare come tutte le altre ragazze che frequentano il suo stesso teatro. Potrebbe usare il suo corpo per velocizzare l’ascesa nel mondo dello spettacolo, ma sa che in questo modo finirebbe col tradire se stessa. Idem Joe che potrebbe addentrarsi nel marcio che c’è in quasi tutti gli sport. Il doping, le scommesse, gli incontri venduti. Ma questi due ragazzi non fanno quel che fanno semplicemente per un compenso economico. È il loro sogno, la loro passione a guidarli e a spingerli a fare sempre meglio. L’autrice ha creato ancora una volta due personaggi davvero forti, ben costruiti e caratterizzati. E la storia, nonostante sia troppo breve è comunque riuscita a coinvolgermi, finendo persino col farmi scendere qualche lacrimuccia.
    Morale della favola: avrei volentieri dato 5 punti, ma ne ho tolto uno per una serie di motivi […]

    Aiuta altri clienti a trovare le recensioni più utili 

    Questa recensione ti è stata utile? Sì
    No

  • Anonimo 12 dicembre 2017a19:34

    4.0 su 5 stelle
    Rialzati quando ti mandano al tappeto!, 14 luglio 2016
    Acquisto verificato(Cos’è?)
    Questa recensione è su: Puncher (Formato Kindle)
    Anche questa volta, faccio i miei complimenti a Connie, che è riuscita a farmi sognare con Joe e April.
    Due persone molto simili, che nella loro vita si rimboccano le maniche per sopravvivere. Determinati a realizzare i propri sogni e se qualcuno li mette al tappeto, si rialzano sempre e combattono con le unghie e con i denti.
    Connie ci presenta una storia di vita reale, fresca e a tratti un po’ triste per la cruda verità di quanta invidia persiste nel cuore della gente. Pur di ottenere ciò che vogliono gli essere umani sono veramente spietati e perfidi. Godono nel vederti perire per attingere loro stessi ad essere i primi e nel farti sentire, una mezza calzetta. Finisco lasciandovi uno stralcio del romanzo in questione che mi è piaciuto moltissimo *-*
    Joe ad April <3
    <<Recita per me. Solo per me. Se rinunci fin dall’inizio a combattere, hai già perso prima ancora di cominciare. Se non lotti non saprai mai se sei in grado di farcela. L’importante non è vincere o perdere, ma stare davanti all’avversario, per fargli capire che non hai paura, incassare colpi e restituirli. E soprattutto rialzati quando ti mandano al tappeto.>>
    Aiuta altri clienti a trovare le recensioni più utili 

    Questa recensione ti è stata utile? Sì
    No

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.